De Rossi: "Abbiamo strameritato di vincere"

Le parole del capitano in zona mista dopo la vittoria sul Cagliari


55 tiri nello specchio nelle ultime partite, è un o svantaggio o un vantaggio? 
Analizziamo quella di oggi, abbiamo fatto non so quante occasioni, 65% di possesso palla. Vincere queste partite è un vantaggio, partite così le avremmo pareggiate se non perse in contropiede all’ultimo. Dobbiamo aiutare gli attaccanti a liberarsi in area, per tirare meno volte, ma in maniera più pulita. E’ un discorso di gioco, di squadra, di rendere loro le cose più facili. Anche oggi hanno avuto occasioni, ma mai nitide. Al di là delle occasioni l’abbiamo meritata una partita così, era troppo importante.

Siete da scudetto? 
Siamo un organico forte, non nomino quella parola. Il Napoli ha un organico forte, l’Inter anche forte e con meno partite, la Juventus forse anche più forte di noi. Non siamo i più forti, ma siamo lì. Continuiamo a lottare, non mi interessa che farà la società a gennaio, interessano al direttore ed al mister, l’hanno creata forte e sanno loro se va rinforzata.

Servono più vittorie negli scontri diretti? 
Abbiamo perso due partite che non meritavamo di perdere: con l’inter nettamente, col Napoli abbiamo perso dopo un primo tempo non buono, ma un secondo tempo dove potevamo pareggiare. Quella partita il mister ci ha spiegato come voleva affrontarla, ci ha un po’ smosso, è stato importante. Era preferibile portare a casa un punto e magari avere un’altra classifica. Abbiamo giocato con la Lazio, che è di alta classifica, con la Juventus ancora non ci abbiamo giocato, abbiamo vinto a Bergamo, a Torino ed a Firenze, non sono partite dove tutti se la porteranno da casa.

Il gruppo è unito? 
Il gruppo è unito in tante circostanze, secondo me l’esultanza a fine partita è figlia di una vittoria che vedevamo sfuggirci ed alla quale tenevamo tantissimo.